Presentazione - UTE Acquaviva delle Fonti

UTE ACQUAVIVA
UTE ACQUAVIVA
Menu
Vai ai contenuti

Presentazione

Offerta formativa anno in corso
PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO CULTURALE
PER L’ANNO ACCADEMICO 2018-19


Nel presentare il Piano dell’Offerta formativa dell’anno accademico 2018-19, vogliamo anzitutto offrire una sintesi delle attività già svolte nella realizzazione del Progetto: “Il Mediterraneo, la culla della nostra civiltà: la geografia, la storia, i popoli, le culture, la cultura, l’arte, l’attualità dalle origini ad oggi”, finalizzato a rinforzare la consapevolezza della centralità culturale del “Grande mare”, per essere cittadini informati e responsabili.

  1. Quale percorso abbiamo compiuto?
Il “viaggio” è stata la parola chiave di molti Corsi: la conoscenza del viaggio di Ulisse (da Omero a Joyce); l’Umanesimo mediterraneo; la cucina mediterranea; le vecchie strade che attraversano i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e la nuova autostrada del Mediterraneo. Il tutto si è mosso su quel grandioso palcoscenico antico che è il Mare nostrum, culla della civiltà e del pensiero occidentale, in cui affondano le radici dell’Europa e in cui sono affondate le navi greche e romane nei loro viaggi commerciali lontani e vicini.
E’ il mare in cui abbiamo pescato due magnifiche statue greche: i bronzi di Riace, che abbiamo ammirato nel Museo della Magna Grecia di Reggio Calabria.
È il mare in cui “galleggiano” due grandi isole da noi visitate in un viaggio tra Malta e la Sicilia, isole ricche di testimonianze del passato. Un viaggio che ci ha appassionato e sorpreso!
Abbiamo saputo della formazione geologica del Mediterraneo, del clima, della Storia politica ed economica dei popoli europei e mediterranei.
Abbiamo dipinto paesaggi mediterranei: il mare, i fiori, gli ulivi.
Dell’olio ci è stato consegnato ogni segreto.
Il Cineforum ci ha offerto la possibilità di capire come unire popoli e culture.
Questa la sintesi degli input forniti ai soci nell’a.a. 2017-18, per allargare e arricchire il loro orizzonte conoscitivo.

  1. Come intendiamo procedere?
Ancora “il viaggio” sarà al centro del nostro Progetto per ricercare e ammirare la bellezza, quasi metafora della vita che deve essere ricerca e conoscenza. “Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre …” come ci indica José Saramago, premio Nobel per la letteratura nel 1998.
E sarà, infatti, il Corso Caratterizzante di quest’anno a parlarci di viaggi: quello di Dante (la ricerca dell’Assoluto), quello di Don Chisciotte (la ricerca dell’ideale), quelli di Gulliver (il confronto con il diverso), quelli dei Padri Pellegrini (la ricerca della libertà) per fare alcuni esempi. Individueremo così le motivazioni che sono alla base delle personalità individuali e della civiltà collettiva.
Al Corso Fondamentale di Psicologia dello sviluppo abbiamo affidato il compito di far prendere coscienza che, tra le diverse stagioni della vita, la vecchiaia non è caratterizzata solo da limiti, come erroneamente si crede, ma anche da specifiche potenzialità da scoprire, far evolvere e utilizzare; quello di Psicologia dell’Educazione, farà conoscere agli adulti le ultime novità della scuola italiana.
All’altro Corso Fondamentale, quello di “Cultura del Benessere psicofisico”, abbiamo chiesto di riflettere, nel primo segmento, sul tema “la sfida della longevità” e, nel secondo segmento e sull’esempio delle grandi Storie del passato, sui  modi per aumentare il benessere personale e migliorare la qualità dei rapporti interpersonali.
Ritornerà il tema del viaggio nel corso di “Turismo sociale”, che si soffermerà su due città pugliesi: Taranto ed Otranto viste nel passato e nel presente.
Anche il viaggio nel Mediterraneo, quello dell’Odissea di Annibale di Hédi Bouraoui, ci riporterà il concetto di umanesimo mediterraneo con le sfide della globalizzazione.
Riteniamo interessante la trattazione dell’Ebraismo, storia del popolo eletto e delle sue tradizioni, ed attuale il tema del fenomeno migratorio in Italia ed in Puglia, per valutare se è un’opportunità, un’occasione mancata o un problema.
Nel corso Viaggi nel Mediterraneo “… e il naufragar m’è dolce in questo mare” conosceremo alcuni testi letterari, che, di certo, ci emozioneranno.
Andremo nel mondo sommerso del Mediterraneo per conoscerne la flora e la fauna.
Parlerà di “Alimenti, turismo e ambiente” il corso che ci consentirà di cogliere la relazione delle epoche passate e dei fenomeni storici con le tradizioni e le culture alimentari, compresa la nostra cucina, della quale scopriremo i segreti da fissare e gli errori da evitare.
Continueremo a dipingere paesaggi e marine mediterranee e, nel corso di Storia dell’arte, impareremo a leggere opere di pittura realizzate nei vari secoli e a contestualizzarle. Svilupperemo, insomma, nuove competenze!
Il Cineforum ci presenterà le dinamiche familiari, genitori-figli nel cinema internazionale d’autore.
Nel Progetto “Prendersi cura di sé e degli altri” conosceremo l’apparato cardiocircolatorio e rifletteremo sul benessere emotivo e sui modi per raggiungerlo.
Abbiamo confermato i sei corsi di lingue (inglese, spagnolo, tedesco) frequentati ormai dai fedelissimi.
Anche gli argomenti del progetto Storia, richiesti dai corsisti e concordati con i docenti, ci aiuteranno, in un primo segmento e attraverso la storia dei Normanni e degli Svevi, a comprendere la situazione storica italiana ed europea del XIII sec. e, in un secondo segmento, a conoscere la storia patria tra coscienza cittadina e storia personale. In una parola, rifletteremo sul glocale (locale-globale).
E di globalizzazione e delle sue forme ci parlerà un corso che vuole indagare tra promesse e mondo reale del fenomeno.
Di attualità sono i due Corsi di Cittadinanza Attiva; l’uno che ci presenterà la realtà economica locale e nazionale “vista con la lente d’ingrandimento” e l’altro che ci solleciterà a cogliere i fondamenti della Storia politica ed economica dell’Italia.
Ricchissima, come sempre, l’offerta dell’Informatica con cinque corsi e corposo il Progetto “Creatività”, nel quale abbiano inserito il Corso di Disegno creativo e il Laboratorio di sartoria: “Ad ogni donna la sua gonna”.
Visti i positivi riscontri positivi registrati negli anni passati, abbiamo confermato sia i Tè culturali, attività collaterale rivolta anche alla cittadinanza, e sia il Progetto Musica e il Progetto Benessere in movimento, sempre graditi dai corsisti.
E siamo contenti, infine, di poter attivare il Laboratorio di recitazione da tempo richiesto da un gruppo di soci appassionati di teatro.  

  3 . Una manifestazione di gratitudine.
I Protagonisti del Piano dell’Offerta formativa sono i docenti ed i corsisti. I primi, con competenza, entusiasmo e gratuità lavorano per realizzare i progetti e, come novelli Argonauti, conducono la nave dell’UTE nei mari della conoscenza ed i secondi, come passeggeri diligenti ed ordinati, agevolano il cammino della “nave” e fanno sì che non si fermi mai.
A tutti, manifestiamo la nostra gratitudine.
Torna ai contenuti